Un saluto a chi mi conosce e a chi capiterà per caso su questo blog...

Il motivo di questo blog è molto semplice: tenermi in contatto con le persone a me care e che ora sono distanti più di 8000 km. Ma anche per coloro che per caso capiteranno qui, a leggere delle mie avventure di vita quotidiana e lavoro in Cina.
La vita mi ha portata in svariati posti. I primi 12 anni trascorsi in Bosnia, i successivi 15 in Italia, un breve intermezzo, dalla durata di quasi un anno, in Scozia e ora in Cina, ad Hefei, in provincia di Anhui. Ho appena scoperto che Hefei, la città in cui mi trovo per motivi lavorativi, ha quasi lo stesso numero di abitanti dell'intera Bosnia. He he!
Oggi è esattamente una settimana dalla mia dipartita da Vicenza e mi pare di essere qui da mesi, tanti sono stati i cambiamenti e novità.
La ragione per cui sono qui è perchè l'Italia degli ultimi anni mi ha amareggiata moltissimo. Finiti i duri e lunghi anni di studio all'università mi sono trovata ad affrontare numerosi lavori e tantissime insoddisfazioni. La voglia di diventare insegnante ha incontrato solo porte chiuse e nasi arricciati e da lì la scelta di volgere lo sguardo fuori dai confini italiani. Ma anche una grande voglia di cambiare ambiente e vedere cosa c'è altrove. Saranno le vicissitudine della mia vita o il mio essere perennemente insoddisfatta e alla ricerca del nuovo ma sentivo il bisogno di 'scappare' da una realtà che ormai mi andava stretta. Il potente e magico Internet mi ha portata a scoprire che la Cina era in disperata ricerca di insegnanti di lingua inglese. Ho provato e nel giro di qualche giorno sono stata sommersa da offerte lavorative. Qualche colloquio su skype e la grande scelta. Anhui China-Australia College ad Hefei. Sono seguiti due intensi mesi di preparativi, caratterizzati da una lentissima burocrazia, ma alla fine, alle 17:10 del 04.09.2010 mi sono imbarcati sul primo dei tre voli per la grande Repubblica Popolare Cinese. E dopo 18 ore di viaggio ce l'ho fatta.
Nella settimana appena trascorsa ho insegnato a più di un centinaio di giovani ragazzi dai 19 ai 23 anni. Un'esperienza emozionante e soddisfacente oltre ogni limite. Ho incontrato così tanto calore umano (Cosa che nel nostro bel paese manca. Cari miei amici non prendetevela, mi riferisco in generale alla gente italiana e non a voi!) che ne sono stata sommersa e che mi ha fatto stampare un perenne sorriso sulla bocca. Sono tutti così gentili e vogliosi di darmi una mano.
Girando per la città mi sono resa conto di essere una star. Non pensavo di essere così famosa qui in Cina! Eh si i “laowai” (stranieri) in questa gigantesca città sono così pochi che tutti, e ripeto tutti, mi fissano e indicano. All'inizio incuteva un po' di timore, ma ormai mi sono abituata e rispondo alla loro curiosità salutandoli con un sorrisone e stupendoli con i miei “Nihao”. Proprio ieri un anziano signore con un cagnone gigante quando mi ha vista si è messo a parlare con il cane e gli ha indicato di guardarmi. He he he!
Beh, penso che basti come primo post.
A presto con avventure più dettagliate e simpatiche.