01 giugno 2014

La frutta in Cina

Una delle mie cose preferite della Cina è l'ampia scelta di frutta, e con essa il suo prezzo contenuto. Io semplicemente adoro la frutta e non c'è un solo frutto che io non riesca a mangiare con gusto (Beh, fino a quando non sono arrivata in Cina e ho scoperto tipologie di frutta che il mio palato fa fatica ad assimilare!). 


Con il post corrente cercherò di presentare un breve elenco della frutta più strana per noi Occidentali, ma che, ovviamente, si può comprare quotidianamente qui in Cina. Vorrei specificare che il mio sapere è limitato alla Cina del centro est. Per cui sono sicura che ci saranno altri tipi di frutta ma in altre zone di questo paese immenso e così variegato. Ecco qui l'elenco della frutta partendo da quella senza la quale non riesco a vivere a quella meno deliziosa: 

1. Mango: il mio frutto esotico più preferito di tutti. Lo si può trovare in tutte le forme e colori, da piccini mango gialli, lunghi un paio di centimetri, a quelli grandi fino a un chilo o più e di colori sgargianti, come da foto. In ogni forma o colore lo si mangi, è un frutto semplicemente deliziosissimo. 


Come mangiare il mango? Il metodo "ufficiale" è come da foto sottostante. Comunque, io penso che ognuno abbia il suo modo e qualsiasi modo sia non si può evitare di finire con il succo del frutto fino al gomito...Quello che io faccio è tagliare la buccia come se sbucciassi la mela e poi dare piccoli morsi. Il mango grande ha l'endocarpo (che è il cuore del mango e non il seme) molto grande e duro, mentre nel mango piccolino lo stesso è di solito molto sottile e non particolarmente duro. Ma ogni mango lo ha, quindi non bisogna semplicemente sbucciare il frutto, ingoiarlo e masticare il tutto, nocciolo incluso (Ricordo un amico che lo ha fatto!!! Haha!). 


2."Pitaya" o "frutto del dragone": questo è un altro frutto che io compro spessissimo e che adoro. Esso non ha un gusto molto forte e distinto, a differenza del mango che è molto dolce e succoso. Non tanto il gusto ma la polpa fa pensare al kiwi perché all'interno ci sono numerosissimi piccoli semi neri che vanno mangiati insieme alla polpa, che a sua volta può essere sia bianca che rosa. Io di solito mangio la varietà che all'interno è bianca con piccoli semini e all'esterno è rosa (quello tutto a sinistra nella foto), ma ci sono molte altre varietà, come da illustrazione. 



Come si mangia questo frutto? Basta semplicemente tagliarlo a metà, diagonalmente o verticalmente, munirsi di un piccolo cucchiaio e mangiare con gusto la tenera polpa interna. 

3. Pomelo: si tratta dell'agrume più grande del mondo e può raggiungere persino 10 chili. E' una combinazione di pompelmo, limone e arancia in termini di gusto, ma la sua forma ricorda più quella di una pera gigante. La buccia è liscia e di solito gialla, mentre immediatamente sotto la buccia vi è uno spesso strato spugnoso. La parte centrale è il frutto la cui polpa può a sua volta essere gialla, rosa o persino rossa. Gli spicchi sono molto grandi, hanno qualche seme all'interno ed sono a loro volta circondati da un'altra buccia facile da togliere. Il gusto è simile al pompelmo ma non presenta alcuna acidità ed è più dolce dell'arancio amare, ma non troppo dolce. Io lo compro molto più spesso che ogni altro agrume. 


Come mangiare questo frutto? Il processo per mangiare questo frutto è un pochino complicato ma non eccessivamente. La cosa migliore da fare è tagliare le estremità, poi fare delle incisioni a spicchi di un centimetro di profondità. Togliere la pelle esterna e liberare così il frutto che vi è all'interno. Una volta finito, aprire il frutto a metà con un po' di sforzo e poi separare i spicchi. Prendere uno spicchio, togliere la buccia e mangiare il delizioso frutto. Quello che io di solito faccio è pulire ogni spicchio dalla sua buccia, spezzare i spicchi in piccoli pezzetti e riempire una ciotola intera e solo a lavoro terminato godermi il frutto. L'intera operazione può durare intorno ai 15 minuti perché la seconda buccia non è sempre facile da togliere e i spicchi tendono a sgretolarsi facilmente. 



4. "Nashi" o "pera-mela": si tratta di un frutto molto succoso. La forma esterna è ingannevole perché sembra una mela, ma l'interno ha l'inconfondibile sapore della pera. Infatti, la prima volta che comprai questo frutto ero convinta di comprare mele. Il sapore è molto dolce, con un'acidità quasi inesistente e un delicato profumo. La buccia è leggermente ruvida e sottile. 


Beh, non mi pare che ci sia bisogno di dare indicazioni su come mangiare questo frutto. Io adoro fare "smoothies" e questo tipo di pera, essendo super succosa, si presenta come perfetta base. 

5. "Longan" o "l'occhio del drago": questo piccolo frutto è molto interessante e delizioso. Come da nome, se morso a metà ed esponendo il seme interno, esso sembra come un occhio (Ovviamente, l'occhio del dragone!). La parte commestibile è quella bianca o tendente al trasparente. Il frutto è dolce, molto succoso e morbido. Esso viene mangiato fresco ma anche essiccato ed è spesso adoperato in numerose pietanze come zuppe, dessert e altro perché secondo la medicina tradizionale cinese si pensa che abbia proprietà rilassanti. 

Come mangiare questo frutto? Il guscio esterno e il seme non si mangiano. Il guscio è sottile e si sgretola facilmente. Il metodo più efficiente è quello di romperlo con l'unghia facendo delle piccole incisioni intorno alla circonferenza e poi aprire il guscio in due. Oppure si può sbucciare pezzetto per pezzetto ma questo richiede più tempo. L'unico avvertimento da fare è di stare attenti al succo che potrebbe uscire fuori una volta aperto il guscio. Dopo di che basta strizzare il frutto in bocca e mangiare con cautela stando attenti al duro seme interno. Uno volta mangiato il frutto, il seme va sputato. 


5. "Rambutan": questo frutto è molto simile a quello precedente sia per quanto riguarda la forma che il gusto. Solo il colore è diverso e la presenza di peluria rossa. Il sapore è molto dolce e un pochino simile all'uva ma più consistente e spesso quando masticato. 


Come mangiare questo frutto? Beh, è molto semplice perché è identico al longan. Il guscio esterno può essere tagliato con l'unghia e non è commestibile proprio come la noce centrale.

6. Mangostano: questo frutto è veramente delizioso. Purtroppo, non lo compro spesso quanto dovrei perché è un pochino difficile da selezionare ed è più caro in questa zona della Cina che nel sud. Dall'aspetto sembra una piccola melanzana, di solito tra i 5 e 7 centimetri. Il sapore è difficile da descrivere ma è molto dolce, succoso, cremoso e vagamente simile alla pesca. 

Come mangiare questo frutto? Il primo passo è quello di prendere il gambo e toglierlo attorcigliandolo. Dopo di che, proprio come da foto, schiacciare delicatamente il frutto tra le mani per rompere il guscio e poi aprirlo, stando attenti al succo, e mangiarlo con gusto. I spicchi possono essere separati con facilità ma sono molto viscosi. 


7. Dattero cinese o "giuggiolo": ecco un altro frutto che adoro mangiare in tutte le forme, sia fresco che secco, perché delizioso e molto sano. Quando fresco è di solito verde con qualche macchia rosso marroncina. Se del tutto rossi di solito significa che sono troppo maturi. Quando sono essiccati sono rossi, come da foto sottostante. Il frutto fresco ha un sapore similare alle mele, è croccante e leggermente succoso e acidulo. Esso viene mangiato specialmente durante il tardo autunno e inverno come snack. Quando, invece, viene essiccato il sapore è molto più simile a quello dei datteri, più dolce e dal sapore più pungente. Il frutto secco viene usato nella medicina tradizionale perché si considera avente numerose proprietà terapeutiche, difatti pare che allevi stress, sia un'antibatterico, aiuti la fertilità, sia antiossidante e molto altro. Molte persone mi hanno consigliato di mangiarlo o aggiungerlo al tè caldo per vari motivi ma pare che tutti concordino col fatto che sia più idoneo alle donne. 

 



Come mangiare questo frutto?  Non è una operazione molto ostrusa. Basta lavarlo e mangiarlo stando attenti al piccolo seme che c'è al suo interno. 

8. Canna da zucchero: questo può sembrare strano eppure in Cina si possono comprare canne da zucchero da mangiare come snack. Durante la stagione di trovano venditori ad ogni angolo, che in modo molto pratico ed esperto sbucciano la lunga canna e la tagliano a pezzetti pronti da mordicchiare. 


Come mangiare questo frutto? Nessuno compra mai la canna intera perché difficile da trasportare, ecco che il minimo che i venditori possano fare è proprio tagliarla in piccole parti facili da spezzare e portare in sacchetti. Alcuni venditori sbucciano mentre altri non lo fanno. Se non viene sbucciata, allora bisogna fare il lavoraccio con i denti togliendo la buccia a strisce partendo dall'alto e strappandola in direzione opposta. Finito questo lavoraccio basta dare un bel morso, succhiare il succo masticando e poi sputare il residuo che diventa secco una volta privato del suo succo zuccheroso. Personalmente, evito di mangiarlo, non solo perché è dolcissimo ma anche perché è un casino ma mangiare, le mani diventano appiccicosissime dopo mangiato e io ho sempre paura di spezzarmi qualche dente perché la canna è durissima da mordere. 


9. Durian o italianizzato "duriano": ecco un frutto che non mi entusiasma granché anche se sono in molti a dire che è un po' come il sushi. All'inizio non è eccezionale ma più lo si mangia più finisce col piacere. All'esterno il frutto è rotondeggiante e spinoso mentre all'interno molto morbido. La particolarità di questo frutto è l'odoro. C'è chi lo paragona all'odore di un gatto morto o calzini sporchi, insomma un odore molto pungente e per niente invitante. E' così forte che viene spesso proibito in certi luoghi pubblici, perché pare che l'odore duri per giorni (quello sotto è un cartello nella metropolitana in Singapore). Il sapore a sua volta è molto cremoso e forte, dolce ma pungente. 



Come mangiare questo frutto? Sono in pochi che comprano il frutto intero perché è assai difficile da aprire e anche perché è costoso. Quindi, di solito, lo si trova già pulito e impacchettato, come da foto sottostante. Certi supermercati hanno personale addetto a questo servizio ed è interessante guardare l'intera procedura. Se si ha il coraggio di provare, è conveniente mangiare con l'ausilio di una forchetta perché, come già detto in precedenza, è molto cremoso e all'interno di ogni pezzo di solito c'è un nocciolo abbastanza grande. Ad ogni modo, e nella mia opinione, il durian usato nei gelati, yogurt o fritto è molto più buono che il frutto stesso. Va anche detto che ci sono persone che ne sono ossessionate e la loro opinione sarebbe alquanto diversa dalla mia. 


Per oggi penso che possa bastare. Ci sarebbe molta altra frutta da aggiungere, ma io ho deciso di includere quella più particolare e diversa dalla frutta che uno normalmente vede in Italia. La cosa più bella della Cina è che la frutta la si può comprare ovunque, non solo nei supermercati e negozi di frutta ma ci sono persone che la vendono per strada o sui loro piccoli mezzi di trasporto.